informazioni sulle pinze ER16

...del presente e del passato
Rispondi
Avatar utente
carlo
Site Admin
Messaggi: 6495
Iscritto il: giovedì 23 febbraio 2006, 10:19
Località: Bella Liguria - Lavagna
Contatta:

Re: Help!

Messaggio da carlo » giovedì 9 ottobre 2014, 9:11

aldo ha scritto:Mi ha incuriosito la faccenda ER-ES e allora cercando cercando, ho trovato nel solito sito di Tony lathes UK , questa dettagliata spiegazione, della quale faccio paste/copy, non è farina del mio sacco .
Grazie a voi ne ho imparata un altra. :-D

The early EMCO Maier supplied.... >>><<< >>><<<
...come riuscire a complicare cose che potrebbero essere semplicissime ( ...per non dire, ma non si può :lol: , semplicerrime )

Cordialità.
Carlo
The best is yet to come
cchiù lluonga è a pinsata, cchiù granni è a minchiata :lol:
_________________________________________________

Immagine

elenco dell'attrezzatura usata in vendita per orologiai hobbisti

Avatar utente
carlo
Site Admin
Messaggi: 6495
Iscritto il: giovedì 23 febbraio 2006, 10:19
Località: Bella Liguria - Lavagna
Contatta:

Re: Help! + informazioni sulle pinze ER16

Messaggio da carlo » giovedì 9 ottobre 2014, 9:47

anche questa pagina potrebbe aiutare a capire lo stato delle cose http://www.schaublin.ch/catalogues/PO100-106.pdf

Cordialità.
Carlo
The best is yet to come
cchiù lluonga è a pinsata, cchiù granni è a minchiata :lol:
_________________________________________________

Immagine

elenco dell'attrezzatura usata in vendita per orologiai hobbisti

Avatar utente
guidomaria
Messaggi: 1004
Iscritto il: domenica 10 agosto 2014, 11:10
Località: Colle di Val d'Elsa (Siena)

Re: Help! + informazioni sulle pinze ER16

Messaggio da guidomaria » giovedì 9 ottobre 2014, 11:55

Aldo, cancella l'ultimo capoverso del testo inglese che è una ripetizione di quanto già scritto sopra.

Io giorni fa, per cercare di cominciare a capirci qualcosa, mi sono guardato tutto il catalogo o il prontuario di pinze e portapinze Schaublin ed è per questo che ero già al corrente dell' esistenza delle ES ed EX. Quello che non sono riuscito a capire è: i prodotti schaublin dove si comprano? non ho trovato siti che li offrano.

Aggiungo soltanto che le pinze ER possono avere 3 gradi di precisione (eccentricità) 0, 1 e 2 e quasi mai nessuno cita questo parametro nelle offerte.

Avatar utente
aldo
Messaggi: 56
Iscritto il: venerdì 7 gennaio 2011, 14:57
Località: udine

Re: Help! + informazioni sulle pinze ER16

Messaggio da aldo » giovedì 9 ottobre 2014, 13:18

guidomaria ha scritto:Aldo, cancella l'ultimo capoverso del testo inglese che è una ripetizione di quanto già scritto sopra.

Ok, grazie

Quello che non sono riuscito a capire è: i prodotti schaublin dove si comprano? non ho trovato siti che li offrano.

C'era Morini & Bossi e VEMAS a Miano.

Aggiungo soltanto che le pinze ER possono avere 3 gradi di precisione (eccentricità) 0, 1 e 2 e quasi mai nessuno cita questo parametro nelle offerte.
Mi pare che quelle cinesi che trovi da Chronos, RDG Tools, Arc-Trade, Ebbay abbiano 0.005 mm dichiarati. $£"&&

Avatar utente
guidomaria
Messaggi: 1004
Iscritto il: domenica 10 agosto 2014, 11:10
Località: Colle di Val d'Elsa (Siena)

Re: Help! + informazioni sulle pinze ER16

Messaggio da guidomaria » giovedì 16 ottobre 2014, 23:09

Tanto per aggiornare, ho smontato il mandrino al mio Optimum ed in effetti sotto c'è il cono a morsa MK3 ... Mi è arrivato il portapinze e ci sta benissimo. Ora aspetto le pinze. Ho comprato anche lo stesso portapinze con passo M14 per il piccolo EMCO.

Mi sorge una domanda: se ci si può mettere un portapinze piuttosto standard MK3, perchè la Optimum si è presa la briga di fare e di vendere un portapinze solidale con una flangia da accoppiare con le viti? :(): solo per avidità?

Certamente acquisterò anche il portautensili a cambio rapido, che, per la possibilità di regolare con semplicità l'altezza dell' utensile, vale assolutamente la spesa.

In effetti ora che mi interesso di orologi, anche la passione per le macchine utensili si è ravvivata :-D

Ora sistemerò entrambi i torni per lavorare in maniera più precisa. Non escluso anche l'acquisto di pinze ER di alta qualità. Il capo manutentore della mia azienda mi sta dando un buon aiuto e ottimi consigli.

Sto aspettando anche un comparatore per fare un po' di verifiche e di eventuali messe a punto.

Avatar utente
carlo
Site Admin
Messaggi: 6495
Iscritto il: giovedì 23 febbraio 2006, 10:19
Località: Bella Liguria - Lavagna
Contatta:

Re: Help! + informazioni sulle pinze ER16

Messaggio da carlo » venerdì 17 ottobre 2014, 8:11

guidomaria ha scritto:Tanto per aggiornare, ho smontato il mandrino al mio Optimum ed in effetti sotto c'è il cono a morsa MK3 ... Mi è arrivato il portapinze e ci sta benissimo. Ora aspetto le pinze. Ho comprato anche lo stesso portapinze con passo M14 per il piccolo EMCO.

...per curiosità, ti spiacerebbe postare le foto di entrambi.
Mi sorge una domanda: se ci si può mettere un portapinze piuttosto standard MK3, perchè la Optimum si è presa la briga di fare e di vendere un portapinze solidale con una flangia da accoppiare con le viti? :(): solo per avidità?
Non riuscirei proprio ad immaginarlo: probabilmente esistono ragioni di carattere tecnico che il progettatore ha identificato e che a noi sfuggono... ""==""

Cordialità.
Carlo
The best is yet to come
cchiù lluonga è a pinsata, cchiù granni è a minchiata :lol:
_________________________________________________

Immagine

elenco dell'attrezzatura usata in vendita per orologiai hobbisti

Avatar utente
guidomaria
Messaggi: 1004
Iscritto il: domenica 10 agosto 2014, 11:10
Località: Colle di Val d'Elsa (Siena)

Re: Help! + informazioni sulle pinze ER16

Messaggio da guidomaria » venerdì 17 ottobre 2014, 12:24

Ho scritto ieri notte alla Optimum per chiedere ragione di questo fatto ed ho già ricevuto la risposta:

Lei ha ragione: questo portapinze (MK3) entra nella sede del' albero del mandrino, ma chi le assicura che ci rimanga?
Senza un fissaggio, durante la lavorazione il portapinze può essere tirato fuori dalla sua sede ed essere sparato attraverso l'officina.
Per questo motivo non è permesso questo tipo di inserimento senza un adeguato fissaggio.

A questo punto mi diventa chiaro perchè c'è la filettatura M12 nel portapinze e immagino che mi serva un'asta filettata ed una ghiera per fissare il portapinze conico attravreso il tubo del mandrino: in pratica il tirante che mi ha mostrato Aldo.

Avatar utente
pendolum
Messaggi: 1509
Iscritto il: venerdì 19 gennaio 2007, 20:47
Località: Roma

Re: Help! + informazioni sulle pinze ER16

Messaggio da pendolum » venerdì 17 ottobre 2014, 13:39

In realtà quella della Optimum è una "non risposta". Infatti, come hai intuito tu, con il portapinze e relativo tirapinze mostrato da Aldo sarebbe stato possibile realizzare l'accessorio in tutta sicurezza e con una precisione a mio parere maggiore.

Certo il costo sarebbe stato gravato dalla diversa tipologia di pinze che avrebbero richiesto la filettatura ed un set più numeroso rispetto alle semplici pinze a compressione.

Avatar utente
daniele.marini
Messaggi: 112
Iscritto il: domenica 26 febbraio 2006, 13:00
Località: Milano

Re: Help! + informazioni sulle pinze ER16

Messaggio da daniele.marini » venerdì 17 ottobre 2014, 19:19

guidomaria ha scritto:Ho scritto ieri notte alla Optimum per chiedere ragione di questo fatto ed ho già ricevuto la risposta:

Lei ha ragione: questo portapinze (MK3) entra nella sede del' albero del mandrino, ma chi le assicura che ci rimanga?
Senza un fissaggio, durante la lavorazione il portapinze può essere tirato fuori dalla sua sede ed essere sparato attraverso l'officina.
Per questo motivo non è permesso questo tipo di inserimento senza un adeguato fissaggio.

A questo punto mi diventa chiaro perchè c'è la filettatura M12 nel portapinze e immagino che mi serva un'asta filettata ed una ghiera per fissare il portapinze conico attravreso il tubo del mandrino: in pratica il tirante che mi ha mostrato Aldo.
È proprio quel che avevo provato anch'io l'altro giorno, servendomi anche di un riduttore 3-2. Martedì vado a trovare un mio amcico con officina di precisione e mi faccio fare un CM3 con riduzione oer pinze WW 8mm, poi mi faccio il drawbar (come si chiama in italiano?) sia per le pinze 8 che per le ER.
Postero foto!

Daniele

nota di carlo: tirante

Avatar utente
aldo
Messaggi: 56
Iscritto il: venerdì 7 gennaio 2011, 14:57
Località: udine

Re: Help! + informazioni sulle pinze ER16

Messaggio da aldo » venerdì 17 ottobre 2014, 20:14

daniele.marini ha scritto:......cut.....mi faccio fare un CM3 con riduzione oer pinze WW 8mm, poi mi faccio il drawbar (come si chiama in italiano?) sia per le pinze 8 che per le ER.
Postero foto!

Daniele

nota di carlo: tirante
Occhio che le pinze da 8mm non hanno tutte la stessa filettatura.
WW8mm ? se intendi Webster & Whitcomb quello è riferito ad un paricolare banco non al tipo di pinza.

:wink:

Avatar utente
daniele.marini
Messaggi: 112
Iscritto il: domenica 26 febbraio 2006, 13:00
Località: Milano

Re: Help! + informazioni sulle pinze ER16

Messaggio da daniele.marini » venerdì 17 ottobre 2014, 20:29

aldo ha scritto:Occhio che le pinze da 8mm non hanno tutte la stessa filettatura.
WW8mm ? se intendi Webster & Whitcomb quello è riferito ad un paricolare banco non al tipo di pinza.

:wink:
Uso boley leinen e ho maschio e filiera per quel filetto. Grazie della precisazione. Controllerò anche gli altri parmetri e port comunque un campione.
Daniele

Avatar utente
guidomaria
Messaggi: 1004
Iscritto il: domenica 10 agosto 2014, 11:10
Località: Colle di Val d'Elsa (Siena)

Re: Help! + informazioni sulle pinze ER16

Messaggio da guidomaria » venerdì 17 ottobre 2014, 22:23

Correggetemi se sbaglio: la filettatura M12 nel portapinze è normale come verso, quindi il portapinze andrebbe girato in senso orario per avvitarsi. Il tornio gira generalmente in senso antiorario quando lavora e quindi il contatto tra pezzo e utensile tenderebbe a creare un momento "avvitante" .... quindi fissato con il tirante il portapinze dovrebbe essere assolutamente sicuro (ma non se il tornio viene fatto girare in senso opposto, cosa che può capitare).

Inoltre, forse i progettisti tedeschi temono il fatto che, per usare il tirante, bisogna aprire il carter che copre gli ingranaggi del tornio e, anzi, probabilmente il pomello del tirante potrebbe impedirne la chiusura, esponendo l'operatore ad un rischio... in questo senso la pinza montata sulla piastra invece è una garanzia. Considerando che è un tornio dedicato al mercato hobbistico e non professionale, mi sembra abbastanza credibile per la mentalità tedesca.

Avatar utente
pendolum
Messaggi: 1509
Iscritto il: venerdì 19 gennaio 2007, 20:47
Località: Roma

Re: Help! + informazioni sulle pinze ER16

Messaggio da pendolum » venerdì 17 ottobre 2014, 23:17

guidomaria ha scritto:Correggetemi se sbaglio: la filettatura M12 nel portapinze è normale come verso, quindi il portapinze andrebbe girato in senso orario per avvitarsi. Il tornio gira generalmente in senso antiorario quando lavora e quindi il contatto tra pezzo e utensile tenderebbe a creare un momento "avvitante" .... quindi fissato con il tirante il portapinze dovrebbe essere assolutamente sicuro (ma non se il tornio viene fatto girare in senso opposto, cosa che può capitare).

Inoltre, forse i progettisti tedeschi temono il fatto che, per usare il tirante, bisogna aprire il carter che copre gli ingranaggi del tornio e, anzi, probabilmente il pomello del tirante potrebbe impedirne la chiusura, esponendo l'operatore ad un rischio... in questo senso la pinza montata sulla piastra invece è una garanzia. Considerando che è un tornio dedicato al mercato hobbistico e non professionale, mi sembra abbastanza credibile per la mentalità tedesca.

Sull'Optimum c'è lo sportellino scorrevole per il passaggio barra. Il tirante delle pinze può tranquillamente passare di lì e con un distanziatore fare in modo che la manopola batta sul labbro del canotto del tornio. Non ci vedo nulla di diverso né più pericoloso rispetto ad altri torni provvisti di tirante e pinze.

Avatar utente
aldo
Messaggi: 56
Iscritto il: venerdì 7 gennaio 2011, 14:57
Località: udine

Re: Help! + informazioni sulle pinze ER16

Messaggio da aldo » sabato 18 ottobre 2014, 9:15

Mentre nelle pinze W la linguetta fa da anticoppia, le pinze Cono Morse come i relativi coni sfruttano l'accoppiamento per attrito, infatti c'è un leggero incuneamento.
Infatti quando allenterai il tirante vedrai che la pinza non uscirà ma gli dovrai dare un colpetto, quindi nessun problema che esca durante la rotazione sia essa oraria o antioraria.
Il tirante dovrà avere un collarino che lo centri nel tubo del mandrino, dalla parte della manopola, in modo che sia tutto allineato.

:wink:

Avatar utente
daniele.marini
Messaggi: 112
Iscritto il: domenica 26 febbraio 2006, 13:00
Località: Milano

Re: Help! + informazioni sulle pinze ER16

Messaggio da daniele.marini » sabato 18 ottobre 2014, 10:15

aldo ha scritto:Mentre nelle pinze W la linguetta fa da anticoppia, le pinze Cono Morse come i relativi coni sfruttano l'accoppiamento per attrito, infatti c'è un leggero incuneamento.
Infatti quando allenterai il tirante vedrai che la pinza non uscirà ma gli dovrai dare un colpetto, quindi nessun problema che esca durante la rotazione sia essa oraria o antioraria.
Il tirante dovrà avere un collarino che lo centri nel tubo del mandrino, dalla parte della manopola, in modo che sia tutto allineato.

:wink:
Può essere opportuno per garantire l'allineamento che il tirante sia conico dove entra nel tubo mandrino?
Daniele

Rispondi