Il Pitting in orologeria

con il bilanciere, al posto del pendolo, che la fa da padrone
Rispondi
Avatar utente
DMO
Messaggi: 93
Iscritto il: giovedì 18 ottobre 2018, 8:03
Località: Milano

Il Pitting in orologeria

Messaggio da DMO » mercoledì 31 ottobre 2018, 23:33

Volevo condividere con voi un caso che ritengo di particolare interesse in quanto legato all'usura non tanto per mancata lubrificazione ma per un fenomeno differente che colpisce le ruote dentate, il Pitting.
Parlavamo di riporto di perni in pignoni che venivano preventivamente stemprati e ci si chiedeva se realmente avessero potuto resistere nel tempo, e la risposta credo che possa ricercarsi nelle loro condizioni di funzionamento.
Revisionando un Daytona con il cal. 4030 mi sono imbattuto in una ruota il cui pignone mostrava profondi solchi sui denti che ne dimezzavano di fatto la sezione come possiamo vedere nelle immagini che seguono
IMG_6126.JPG
IMG_6126.JPG (103.88 KiB) Visto 175 volte
bb.jpg
bb.jpg (71.62 KiB) Visto 175 volte
b.jpg
b.jpg (79.43 KiB) Visto 175 volte
l'usura di questo pignone è sicuramente da imputarsi ad urti continui durante la trasmissione della coppia che hanno con il tempo portato al consumo dei denti stessi.
Vi è mai capitato di trovare situazioni simili?

Avatar utente
carlo
Site Admin
Messaggi: 6041
Iscritto il: giovedì 23 febbraio 2006, 10:19
Località: Bella Liguria - Lavagna
Contatta:

Re: Il Pitting in orologeria

Messaggio da carlo » giovedì 1 novembre 2018, 8:49

Se non esistesse la tua testimonianza fotografica, sarebbe quasi inimmaginabile pensare che un pignone possa consumarsi fino a quel punto consentendo peraltro all'orologio di funzionare ....come, non si sa, ma all'interno di esso qualcosa "si muoveva". :lol:

Non sono un esperto di metallurgia, solo un semplice appassionato che si diverte con gli orologi e quindi il mio giudizio è marginale, ma penso che il "pitting " possa essere fatto ascendere , più a che ragioni di carattere meccanico forse più propriamente a origini chimiche.
l'usura di questo pignone è sicuramente da imputarsi ad urti continui durante la trasmissione della coppia che hanno con il tempo portato al consumo dei denti stessi.
Non sarei quindi propenso a considerare degli "urti" la ragione della deturpazione del metallo in questione: credo di poter dire che , bene o male, fino a che l'orologio ha funzionato c'è stata una azione di sfregamento fra le parti in contatto e forse una usura così vistosa potrebbe essere imputata alla azione di sfregamento fra metalli la cui composizione chimica era divenuta insostenibilmente alterata.

Ma sono semplici congetture di un osservatore impreparato ed ignorante in materia... <_<_

Parlando di consumi abnormi, da "pendolaio" ... :lol: ... mi vengono in mente certe ruote dentate degli "americani" che talvolta hanno i denti che . come nel caso hai evidenziato con le tue foto, sono ridotti a "niente"... :lol:

Cordialità. :lol:
Carlo
The best is yet to come
cchiù lluonga è a pinsata, cchiù granni è a minchiata :lol:
_________________________________________________

Immagine

elenco dell'attrezzatura usata in vendita per orologiai hobbisti

Rispondi