Visita museo Galileo domenica 10 maggio

annunci
Rispondi
Avatar utente
guidomaria
Messaggi: 1004
Iscritto il: domenica 10 agosto 2014, 11:10
Località: Colle di Val d'Elsa (Siena)

Visita museo Galileo domenica 10 maggio

Messaggio da guidomaria » mercoledì 6 maggio 2015, 21:21

Appuntamento a Firenze al museo Galilei domenica 10 maggio alle ore 10:00 per la visita del museo guidati da Andrea Palmieri, professore di tecnica di orologeria presso l' Istituto Tecnico Leonardo da Vinci di Firenze


Il Museo Galileo si trova in Piazza dei Giudici, nel cuore di Firenze, a due passi da Ponte Vecchio e da Piazza della Signoria.


Indirizzo
Museo Galileo - Istituto e Museo di Storia della Scienza
Piazza dei Giudici 1
50122 Firenze
ITALIA

Tel: +39 055 265 311
Fax: +39 055 265 3130
Sistema automatico di informazione (in funzione 24 ore su 24): +39 055 293 493

http://www.museogalileo.it/visita/dovesiamo.html

Io ci sarò

Avatar utente
carlo
Site Admin
Messaggi: 6495
Iscritto il: giovedì 23 febbraio 2006, 10:19
Località: Bella Liguria - Lavagna
Contatta:

Re: Visita museo Galileo domenica 10 maggio

Messaggio da carlo » giovedì 7 maggio 2015, 8:21

guidomaria ha scritto: >>><<<

Io ci sarò
io purtroppo no in quanto mi sto organizzando per un viaggio in un'altra regione :lol:
Comunque sono certo che chi parteciperà, avrà modo di divertirsi. <><>

Cordialità.
Carlo
The best is yet to come
cchiù lluonga è a pinsata, cchiù granni è a minchiata :lol:
_________________________________________________

Immagine

elenco dell'attrezzatura usata in vendita per orologiai hobbisti

Avatar utente
guidomaria
Messaggi: 1004
Iscritto il: domenica 10 agosto 2014, 11:10
Località: Colle di Val d'Elsa (Siena)

Re: Visita museo Galileo domenica 10 maggio

Messaggio da guidomaria » domenica 10 maggio 2015, 21:33

Stamattina è stata ,direi, la prima giornata estiva dell' anno. A Firenze abbiamo superato i 30°C, c'era la maratona cittadina e, per andare all'appuntamento al museo ci siamo dovuti fare una bella camminata sul Lungarno, dato che tutte le strade di accesso erano chiuse al traffico.

Dopo esserci goduti anche un ottimo gelato a pontevecchio, siamo entrati nel museo, abbiamo incontrato Andrea Palmieri e ci siamo uniti ad un gruppo di turisti per la visita guidata.

Immagine

Dirò subito che il museo di Galileo è un museo molto interessante, ma non un grande museo. A mio avviso potrebbe essere il nucleo iniziale di qualcosa che potrebbe diventarlo, magari decidendo meglio la tematica cui si potrebbe dedicare.

Nell' immagine uno stupendo e complesso orologio dell' epoca di Galileo, cui fu applicato posteriormente un pendolo, che per ragioni di spazio è esterno
Immagine

Il tour è iniziato con una conferenza abbastanza lunga in una sala del pianterreno, nella quale erano esposti alcuni notevoli orologi molto antichi. Palmieir ha fatto un excursus sulla misura del tempo dai primordi dell' umanità fino ai nostri giorni, al temine della quale ci ha mostrato una serie di meccanismi di orologi.

Immagine

Poi siamo siamo passati alle altre sale del pianterreno per vedere le macchine interattive fatte realizzare proprio da lui, con la collaborazione dell' istituto tecnico. Si tratta di grandi congegni meccanici in plexiglass e acciaio. I primi due sono dei planetari tolemaici, nei quali con dei sistemi puramente meccanici di tipo orologiaio, si dimostra come si potevano spiegare e persino riprodurre i movimenti epicicloidali dei pianeti intorno alla terra: complesse costruzioni geometriche atte a spiegare le osservazioni dei moti retrogradi dei pianeti, che poi sarebbero stati spiegati in maniera molto più semplice mettendo il sole al centro del sistema.

Sempre al pianterreno del museo c'è un macchinario dello stesso tipo, ma ancora più sofisticato, fatto realizzare dalla Panerai e donato al museo, che mostra il moto della terra, della luna, di giove e dei suoi 4 satelliti principali, i famosi pianeti medicei (Io, Europa, Ganimede e Callisto) scoperti da Galileo nelle sue prime osservaizoni astronomiche con il suo cannocchiale. La macchina è costata oltre 1 milione di euro ed è molto affascinante, anche se i movimenti, che avvengono in velocità reale, si percepiscono appena.

Poi ci sono delle macchine che mostrano vari tipi di scappamenti di orologi, fortemente ingranditi, che possono essere azionati dal pubblico dando la carica ad un grande bariletto e che permettono di capire istantaneamente lo scopo e la funzione di questa parte cruciale dell'orologio.

Immagine

Immagine

Tra queste c'è, ovviamente, anche il pendolo di Galileo, del quale, oltre a questo modello di grandi dimensioni, sono presenti anche due altri esemplari di aspetto "storico", di cui uno si trova sotto una teca che custodisce gli sbiaditi disegni di progetto autografi di Galileo.

Immagine

Immagine

C'è poi un interessante macchina interattiva che mostra l'errore circolare: due pendoli identici, vengono attivati insieme dal visitatore, ma mentre uno dei due oscilla liberamente con traiettoria cricolare, nel secondo sono state realizzate le due superfici cicloidali di Huygens: si nota come i due pendoli perdano rapidamente sincronismo.

Immagine

Al primo piano c'è una collezione meravigliosa di cerchi celesti, planisferi (mappamondi) e astrolabi, nonchè di altre strumenti scientifici autentici di epoca medicea, tra cui il più grande sistema di cerchi celesti che si conosca, interamente in legno, con i cerchi realtive ai moti di 11 sfere, dalla terra, ai pianeti allora conosciuti, più sole e luna, fino alle stelle fisse con la fascia dello zodiaco e la sfera siderea esterna, il tutto controllato dal divino creaotore, colui che Dante definì "l'amor che move il sole e l'altre stelle".

Immagine

Ci sono inoltre i cannocchiali astronomici di Galileo e quelli immediatamente successivi ed informazioni video sulle tecniche di costruzione di tali macchine. Una sala è dedicata al problema della determinazione della latitudine e del suo collegamento con il perfezionamento dell' orologio.

Immagine

Alla fine della collezione notevole del primo piano il prof. Palmieri si è accommiatato ed abbiamo visitato da soli la collezione giuliana del secondo piano, che mostra una enorme quantità di strumenti scientifici del '600 - '700, insieme a strutture sperimentali che servirono a dimostrare svariate leggi fisiche spaziando dalla cinematica, all'ottica, ma anche macchinari sperimentali che servivano a stupire ed allietare i salotti dei potenti, con i primi fenomeni controllati di elettricità e magnetismo.

Nell' insieme, direi, che l'oggetto del museo è Galileo, le sue scoperte e la conoscenza tecnica e scientifica che cominciavano a farsi strada ed a sostituire teologia e filosofia, passando gradatamente da curiosità a dottrina scientifica, anche grazie al metodo sperimentale teorizzato ed applicato proprio dal grande pisano.

Non è, purtroppo, un museo dell'orologio, nè un museo della scienza, ma un museo che parla di scienza tra il '500 ed il '700, secoli nei quali l'orologeria era una punta di diamante della tecnica costruttiva di macchine di precisione, che spesso prestava i suoi metodi, il suo rigore e le sue tecniche per creare i primi strumenti necessari allo sviluppo di altre dottrine scientifiche.

Mi scuso per le poche foto per di più fatte col telefono: avevo con me ben due macchine fotografiche, ma le ho dimenticate in macchina ""=="" , e non mi andava di rifare tutta quella strada per andarle a prendere.

Avatar utente
toni
Messaggi: 979
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 12:07

Re: Visita museo Galileo domenica 10 maggio

Messaggio da toni » lunedì 11 maggio 2015, 6:32

che peccato non poterci essere!
Complimenti a Guido per tutto quello che fa.
Toni

Avatar utente
carlo
Site Admin
Messaggi: 6495
Iscritto il: giovedì 23 febbraio 2006, 10:19
Località: Bella Liguria - Lavagna
Contatta:

Re: Visita museo Galileo domenica 10 maggio

Messaggio da carlo » lunedì 11 maggio 2015, 8:15

Spesso mi chiedo come facessero i costruttori di un tempo a realizzare strumenti che forse sarebbe difficile mettere insieme oggi stesso con tutte le sofisticate macchine che abbiamo a disposizione. Anche tenendo presente che loro lo facevano in tempi ragionevolmente brevi.

Ed, ancora di più, quale fantasia avessero per concepire come riuscire a racchiudere nelle dimensioni di uno strumento accadimenti che sono già di per sè difficili da immaginare. $£"&&

Per nostra buona fortuna, la nostra cultura, a differenze di altre >>||<< , ci consente di continuare a conservare non degli oggetti, ma la memoria storica del nostro divenire.

Un grazie particolare a Guido che ci ha dedicato il tempo per una descrizione così minuziosa di un museo che merita senz'altro di essere visitato. <><>

Cordialità.
carlo
The best is yet to come
cchiù lluonga è a pinsata, cchiù granni è a minchiata :lol:
_________________________________________________

Immagine

elenco dell'attrezzatura usata in vendita per orologiai hobbisti

Avatar utente
guidomaria
Messaggi: 1004
Iscritto il: domenica 10 agosto 2014, 11:10
Località: Colle di Val d'Elsa (Siena)

Re: Visita museo Galileo domenica 10 maggio

Messaggio da guidomaria » lunedì 11 maggio 2015, 11:01

Nella collezione di strumenti ed apparecchiature sperimentali del secondo piano, c'era persino un tornio manuale per la molatura delle lenti. Aneddoto interessante: Galileo si era fatto insegnare come si tagliavano e molavano le lenti e se le faceva da solo, per paura della concorrenza commerciale che avrebbe potuto carpirgli i segreti. Per lo stesso motivo prese in casa sua l'artigiano di fiducia che costruiva per lui i congegni che poi Galileo vendeva.

Quest'estate ho letto una bellissima biografia di Galileo scritta da un americano che consiglio a tutti come interessante e piacevole lettura

http://www.amazon.it/Galileo-James-Reston/dp/B00H7ZK3R6/ref=sr_1_3?s=books&ie=UTF8&qid=1431334538&sr=1-3&keywords=galileo+james+reston

Il quadro che viene fatto è quello di un toscanaccio con un forte carattere, irascibile ed irruento, in bilico tra ricerca del sapere e disperata ricerca di denaro e riconoscimenti, anche perchè doveva mentenere una famiglia numerosa con un cognato scialacquatore nullafacente.

Interessante e divertente è stato il trucco con il quale è riuscito a precedere lil vero inventore del canocchiale presso il Doge, di fatto ri-inventando questo apparecchio sulla base della notizia della sua esistenza.

Avatar utente
1972merlino
Messaggi: 947
Iscritto il: lunedì 25 novembre 2013, 19:03

Re: Visita museo Galileo domenica 10 maggio

Messaggio da 1972merlino » lunedì 18 maggio 2015, 12:53

Bravo Guido .
Purtroppo non sono venuto per cause di sovrapposizione di eventi.
ma sicuramente ci andrò appena posso.
Molti di questi strumenti sono presenti anche all'istituto geografico militare,sempre a Firenze,dove anni fà ho prestato servizio.
E durante le ronde notturne ho potuto apprezzare il museo.
Saluti
l'invincibile non è quello che vince sempre ma quello che anche se perde non è vinto mai

Rispondi