Hubert Sarton

tutti gli argomenti pratici e teorici inerenti agli orologi a pendolo
Avatar utente
guidomaria
Messaggi: 991
Iscritto il: domenica 10 agosto 2014, 11:10
Località: Colle di Val d'Elsa (Siena)

Re: Hubert Sarton

Messaggio da guidomaria » domenica 17 dicembre 2017, 14:01

Capisco la complicazione meccanica ed il fascino della sfida .... ma per essere brutto è veramente brutto $£"&&. D'altra parte è anche vero che dopo avere riparato una dozzina di parigine, la cosa comincia a diventare ripetitiva ""==""

Avatar utente
carlo
Site Admin
Messaggi: 5984
Iscritto il: giovedì 23 febbraio 2006, 10:19
Località: Bella Liguria - Lavagna
Contatta:

Re: Hubert Sarton

Messaggio da carlo » martedì 8 maggio 2018, 18:56

Non so se inizierò a fare qualcosa, ma l'idea del quadrante che si muove mi piace davvero tanto [[]

Nella più totale assenza di documentazione, a prescindere da qualche foto, è difficile risalire a come possa realizzarsi il movimento in questione.

Ho fatto qualche tentativo per capire e, sebbene mi sembra di aver compreso come avviene il "trasporto" del moto alle lancette, un mistero invece rimane come è ottenuta la rotazione del quadrante: io ho provato a creare una soluzione e mi piacerebbe confrontarmi con i lettori del forum per sapere cosa ne pensano.

Qua sotto quello che sono riuscito a mettere insieme osservando alcune foto:
IMG_4430.JPG
IMG_4430.JPG (286.22 KiB) Visto 109 volte
  • - la ruota a corona 1 è fissata sull'asse di centro dell'orologio ( quello che compie un giro in una ora)
    - la ruota a corona 1 ingrana con la ruota 2 libera di girare sul suo asse
    - la ruota 2 ingrana con la ruota 3 libera di girare sul suo asse
    - la ruota 3 ingrana con la ruota a corona 4 ed il cui asse "porta" la lancetta dei minuti
Le lancette dovrebbero ora muoversi correttamente.

Ed ora la rotazione del quadrante:
  • - la ruota a corona 1 ingrana con la ruota dentata 5 e la fa girare (sempre che abbia l'energia per farlo) assieme al suo asse
    - solidale a quell'asse c'è un disco 7
    - tramite una "biella" , il disco 7 è congiunto al disco 6 ( solidale al suo asse) ( ho utilizzato il nome "biella" per evocare la funzionalità del sistema "biella manovella" nel quale un moto rotatorio viene trasformato in uno alternato .)
    - un ponte del "sistema" quadrante è solidale tramite le spine 8 e 9 alla ruota 6 e quindi, muovendosi di moto alternato quest'ultima ruota 6 , anche il quadrante si muoverà con movimento analogo.
Sarà ovviamente fondamentale stabilire la lunghezza della biella e la posizione dei due perni di manovella sulle rispettive ruote 7 e 6.

Qualche commento? ""==""

Cordialità.
Carlo
The best is yet to come
cchiù lluonga è a pinsata, cchiù granni è a minchiata :lol:
_________________________________________________

Immagine

elenco dell'attrezzatura usata in vendita per orologiai hobbisti

carlocor
Messaggi: 145
Iscritto il: lunedì 10 giugno 2013, 10:00
Località: brescia

Re: Hubert Sarton

Messaggio da carlocor » giovedì 10 maggio 2018, 10:29

Come sempre molto molto interessante. Due cose non capisco, la prima a cosa servono le spine 8 e 9, la seconda il quadrante fa un'alternanza in un ora ? Un saluto carlocor

Avatar utente
carlo
Site Admin
Messaggi: 5984
Iscritto il: giovedì 23 febbraio 2006, 10:19
Località: Bella Liguria - Lavagna
Contatta:

Re: Hubert Sarton

Messaggio da carlo » giovedì 10 maggio 2018, 18:04

Grazie per l'attenzione con la quale segui le mie tribolazioni :lol:

Le spine 8 e 9 le avevo aggiunte per un eccesso di "sicurezza" . In effetti, da un punto di vista teorico , se c'è il grano, esse non dovrebbero servire.

Circa il tempo impiegato dal quadrante per andare avanti e indietro è da tenere in conto il rapporto di riduzione fra la ruota a corona 1 e la ruota dentata 5.

Cordialità.
Carlo
The best is yet to come
cchiù lluonga è a pinsata, cchiù granni è a minchiata :lol:
_________________________________________________

Immagine

elenco dell'attrezzatura usata in vendita per orologiai hobbisti

Rispondi